Articolo del: 07/06/2002

Sezione: Cultura, politica ed economia
Scarica il file in formato DOC
Scarica il file in formato PDF
 

C'è un Dio per l'io?

Osama bin Laden, nel messaggio ai "suoi fratelli musulmani, in tutto il mondo e nella Penisola Arabica in particolare", a un certo punto scrive: "I nostri giovani credono nel paradiso dopo la morte. Credono che partecipare al combattimento non avvicinerà il giorno fissato per la loro morte; né rimanere nelle retrovie riuscirà a posporlo (...) Questi giovani sanno che la loro ricompensa per combattere voi, gli Stati Uniti, è doppia rispetto alla ricompensa per combattere qualcun altro, che non faccia parte dei Popoli del Libro. Non hanno altra intenzione che quella di entrare in Paradiso uccidendovi" (Massimo Introvigne: Osama bin Laden - Apocalisse sull'Occidente - Elledici, Torino 2001, pp.94 e 95-96).
Ebbene, è forse possibile capire il perché tanti musulmani, per "partecipare al combattimento" contro il "Grande Miscredente" (p.81), siano pronti a sfidare la morte o perfino a suicidarsi, come i cosiddetti (impropriamente) "kamikaze", se si prescinde dalla loro fede o la si sottovaluta?
Eppure, molti europei e occidentali non sembrano prenderla sul serio, convinti come sono che gli argomenti di ordine religioso servano unicamente a coprire ben più concrete motivazioni di carattere economico e politico.
In realtà, è il loro materialismo a spingerli a giudicare essenziali gli interessi economici e politici e inessenziali quelli religiosi o spirituali. Tanto la teoria marxista che la pratica liberista considerano infatti "strutturale" la vita economica e "sovrastrutturali" la vita politica e quella culturale.
Come credere, quindi, che possa esserci ancora qualcuno disposto a battersi in nome dello spirito? Questo in verità fa paura poiché la stragrande maggioranza degli europei e degli occidentali è ormai spiritualmente disarmata.
Una cosa, comunque, è battersi in nome dello spirito, altra l'essere coscienti della natura dello spirito per cui ci si batte. E la differenza tra la prima e la seconda situazione dipende in toto dal tipo di rapporto che l'io ha con il proprio "ideale" o con il proprio Dio.
"Nelle moderne società sviluppate - osserva ad esempio Paolo Branca - l'individuo occupa una posizione di assoluta centralità rispetto al gruppo. Invece nel mondo islamico, fatte salve le già richiamate differenze che possono sussistere in ambienti e in situazioni diversificati, lo spirito di gruppo (inteso come famiglia allargata, clan, tribù, etnia o comunque identità collettiva) conserva un ruolo o un peso che da noi ha ormai quasi completamente perso" (I musulmani - Il Mulino, Bologna 2000, pp.14-15).
Stando a quanto riferisce Emma Bonino, Salih Bin Abdullah Bin Humaid, "teologo di chiara fama che presiede la Majlis Ash-Shura (il Parlamento saudita)", afferma infatti: "L'Islam e la politica? Ma l'Islam o è politico o non è nulla: perché l'Islam non è il rapporto di Dio con ogni individuo ma con l'insieme degli individui, ogni atto o decisione in nome dell'Islam è un atto politico" (Il Giornale, 30 maggio 2002).
Il Dio dell'Islam (Allah) e il Dio dell'Antico Testamento (Jhwh) garantiscono dunque ai musulmani e agli ebrei una forte "identità collettiva" (fondata nello spirito). Ebbene, c'è forse un Dio in grado di garantire, con altrettanta forza, una "identità individuale" (fondata nello spirito) agli europei e agli occidentali? Vale a dire un Dio che non chieda loro di rinunciare all'io, e quindi alla "modernità"?
Allo stato attuale delle cose, parrebbe proprio di no. Il vaticanista Sandro Magister, ad esempio, a Emanuele Boffi che gli domanda: "Recentemente è uscito in libreria I nuovi perseguitati di Antonio Socci, dove si dà ampia documentazione delle persecuzioni contro i cristiani, sul tuo sito dai spesso notizia di soprusi subiti dai cristiani. Eppure, come ha scritto Paolo Mieli, "se ne parla poco". Perché?", così risponde: "Questo silenzio, da parte in particolare dei cristiani del vecchio mondo europeo e nordamericano occidentale, è congiunto a una perdita di consapevolezza identitaria. L'uomo occidentale oggi non si identifica come uomo cristiano; le vittime sono viste in modo indifferenziato. Gli eccidi che avvengono nelle Molucche, non sono percepiti come una persecuzione anticristiana. I 200mila morti calcolati su 600mila persone di Timor Est non sono stati visti come caduti cristiani. La guerra dei Balcani, connotata da matrici religiose e storiche precise, è stata letta come una guerra civile. E' questo un modo di fare dell'Occidente che legge le vicende al di fuori della loro connotazione cristiana. E quindi si piangono i morti solo per il fatto che sono morti, senza sapere perché sono caduti sotto gli spari o le lame dei nemici" (Tempi, 31 maggio - 5 giugno 2002).
Ma per quale ragione il moderno uomo europeo e occidentale "non si identifica come uomo cristiano"? Perché - possiamo rispondere - non avendo ancora preso coscienza del rapporto del Cristo (portatore dell'essenza umana universale) con l'io (o con "ogni individuo"), teme giustamente, identificandosi "come uomo cristiano", di perdere l'identità individuale e di regredire a quella collettiva (finendo magari in un "gregge" bisognoso di "pastori").
"Il Cristianesimo - dice Baget Bozzo - è la vita divina comunicata all'uomo e quindi una nuova umanità, non una nuova religione" (Tempi, 31 maggio - 5 giugno 2002). E' vero, ma non si dice tutto se non si specifica che questa "nuova umanità" è appunto quella chiamata a universalizzare l'io individuale e a individualizzare l'Io universale, "santificando" l'io ("Sia santificato il Tuo nome") e realizzando lo "spirito libero": ovverosia, un'individualità cosciente della natura divina della propria umanità e della natura umana della propria divinità (o - per dirla con Solov'ev - della "Divinoumanità").
Se si esclude Steiner, nessuno è riuscito però a offrire all'uomo moderno i mezzi per sviluppare la coscienza del rapporto che lega l'io umano all'Io divino (al Cristo), e per superare così, in modo individuale, volontario e consapevole, l'egoità ("Dio disse a Mosè: "Io sono colui che sono!". Poi disse: "Dirai agli Israeliti: Io-Sono mi ha mandato a voi" - Es 3,14).
Nessuna meraviglia, dunque, se l'io individuale, ostacolato, soprattutto sul piano del pensiero (o noetico), dal materialismo e dalle istituzioni religiose (che si frappongono, quali realtà "collettive", tra l'io umano e l'Io divino), viene a trovarsi spiritualmente scoperto o indifeso nel momento in cui è chiamato a confrontarsi con quegli io che traggono invece forza, soprattutto sul piano della volontà (o etico), da un Dio o da un Io collettivo.
Alla viva "fede" di quest'ultimi in un Dio trascendente, il moderno uomo europeo e occidentale dovrebbe riuscire infatti a contrapporre (e non di certo per belligerare) la viva "coscienza" di un Dio che, essendosi "fatto carne", ha reso ormai obsoleto il dualismo di "trascendenza-immanenza" e ha preso a "inabitare" il "Sacro Cuore" di "ogni individuo". Ma come riuscire in un'impresa del genere, se, a questo stesso uomo, le scienze attuali insegnano che l'io non è spirito, bensì corpo (cervello), e le chiese che non è spirito, ma solo anima?
Se l'uomo europeo e occidentale - come dice Magister - "oggi non s'identifica come uomo cristiano" lo si deve dunque al fatto che si sente, non "uomo" ( o "individuo") in quanto "cristiano", o "cristiano" in quanto "uomo" (o "individuo"), bensì - come scrive Boncinelli - uno "Psicozoo": ovvero, un "animale dotato di mente" cui è tuttavia offerta l'opportunità di trovare un eventuale e illusorio conforto nella "fede" religiosa (Il cervello la mente e l'anima - Mondadori, Milano 2000, p.67).
Non si può dar torto perciò a Baget Bozzo quando sostiene che il Cristianesimo non è una "religione", ma "un'ontologia mistica ed escatologica" (Profezia - Mondadori, Milano 2002, p.9). Anche in questo caso, tuttavia, sarebbe opportuno specificare (tanto più se il Cristianesimo - come gli abbiamo già sentito dire - è anche "una nuova umanità") che tale "ontologia" è al tempo stesso un'"antropologia", e che tale antropologia, in quanto "mistica" (fondata cioè nello spirito), è allora un'"antroposofia".
Non c'illudiamo, di sicuro, che il Baget Bozzo nostalgico "dell'Italia romana, medievale, tridentina, barocca", o di quella "prerisorgimentale" (Tempi 6-12 giugno 2002), sia disposto a seguirci su questa strada; siamo certi, tuttavia, che, senza un radicale rinnovamento (scientifico-spirituale) della coscienza cristiana, o (il che è lo stesso) dell'autocoscienza umana, nessuna speranza di un riscatto morale potrà realizzarsi.

-

 

Francesco Giorgi
 
Rudolf Steiner