Articolo del: 06/12/2009

Sezione: Studi gnoseologici
Scarica il file in formato DOC
Scarica il file in formato PDF
 

Dialoghi sulla libertà (11)

11° Dialogo

R: Ho ripensato in questi giorni al conoscere e al creare e mi è parso significativo che il primo sia rivolto al passato e il secondo al futuro.
L: E’ vero, sono opposti anche in questo. La conoscenza sensibile riguarda il creato, e non il creare. L’idea, per dirla con Tommaso d’Aquino, si dà ante rem nel creare, in re nel creato, e post rem nel conoscere.
R: Pensando, poi, che ci eravamo riproposti di trattare oggi il tema: “lo scopo del mondo e quello della vita”, ho realizzato che il mondo non ha scopo: in quanto “creato”, è infatti uno scopo già raggiunto.
L: Hai ragione. Uno scopo, un fine o, come dice Aristotele, una “causa finale”, quale idea della meta che si vuole raggiungere, si può dare solo ante rem, e perciò solo nel pensiero umano.
R: Nel creato o nella natura non si dà dunque finalità?
L: A eccezione dell’agire umano.
R: In quanto l’uomo è una creatura d’eccezione?
L: Sì. Soltanto con l’uomo, infatti, le entità creatrici hanno messo al mondo un essere in grado di porsi autonomamente dei fini, e di portare così avanti la creazione. Al di fuori dell’uomo, solo il nesso di causa-effetto si dà in modo ideale, illuminando, in forma di legge, il rapporto tra i fenomeni.
R: Sai che cosa ha detto al riguardo Leonardo da Vinci?
L: No, che cosa ha detto?
R: Ha detto: “O mirabile, o stupenda necessità, tu costrigni, colla tua legge, tutti li effetti, per brevissima via, a partecipare delle lor cause”.
L: Complimenti per la memoria!
R: Oggi però si ritiene, sulla scia di Werner Heisenberg, che il mondo non sia governato dalla necessità, e quindi dalla certezza, ma dalla probabilità.
L: Ma questo è probabile o certo?
R: E chi lo sa?...Tornando comunque a noi, mi sembra che la finalità esiga non solo che tra la causa e l’effetto si dia un nesso ideale, ma anche che l’idea dell’effetto, in veste di scopo, eserciti un’azione volta a creare le condizioni necessarie al suo realizzarsi.
L: Che proprio per questo vengono dette “necessarie, ma non sufficienti”. Supponiamo, ad esempio, che io m’iscriva a una scuola e che, dopo averla frequentata, ne ottenga il diploma. L’iscrizione non è la causa del diploma, bensì appunto la condizione “necessaria, ma non sufficiente” per ottenerlo.
R: D’accordo.
L: Eppure, come la causa precede l’effetto, così l’iscrizione precede il diploma.
R: Sai benissimo, però, che una cosa, come dicevano gli scolastici, è il post hoc, altra il propter hoc. Il fatto che B segua nel tempo A, non significa ancora che A sia causa di B.
L: E’ vero. Bisogna infatti distinguere il concetto dal percetto: ossia il diploma ante rem o diploma-concetto dal diploma in re o diploma-percetto. Il primo è al di là del tempo e dello spazio, mentre il secondo esiste, grazie al tempo, nello spazio.
R: Solo per mezzo del volere o dell’agire umano, un concetto o un’idea può dunque trasformarsi in una cosa o in un fatto?
L: Vedi, nel rapporto di causa-effetto, la percezione della causa, che so, del lampo, precede la percezione dell’effetto, cioè del tuono, mentre nel rapporto finalistico o teleologico, a precedere la percezione della causa, non è la percezione dell’effetto, bensì il suo concetto o la sua idea.
R: E’ indispensabile dunque distinguere il concetto dall’oggetto.
L: E lo è, perché si può parlare di un nesso finalistico solo quando la causa di un’azione è un concetto o un’idea.
R: Il che può avvenire, hai detto, solo nell’uomo.
L: Esatto. E’ solo nel creare o nell’agire umano che l’idea, in quanto realtà ante rem, si presta a essere realizzata finalisticamente. In tutti gli altri esseri della natura, l’idea, in quanto realtà in re, si presenta invece al conoscere quale loro essenza.
R: Ciò vuol dire, quindi, che la natura è un essere ormai divenuto o uno stato, mentre l’uomo è un essere in divenire. Ma quello che l’uomo si prefigge non dipende dal grado evolutivo della sua coscienza?
L: Certo. E’ per questo che il Vangelo dice: “La verità vi farà liberi”. La conoscenza ci dà la verità, la verità ci dà la libertà, e la verità e la libertà ci danno lo “spirito libero”, ossia l’uomo.
R: Potremmo quindi dire: “Dimmi quale scopo ti prefiggi, e ti dirò chi sei”. Lo sai che Miguel de Unamuno sostiene che Dio ci giudicherà più per quello che, nel profondo, abbiamo anelato a essere o che ci siamo prefissi di essere, che non per quello che di fatto siamo stati?
L: Non ha torto. Infatti, se la cosiddetta “ragion pratica” non fa che produrre, come dice Schelling, “idee in forma di azioni”, allora la qualità delle azioni dipenderà in toto da quella delle idee. La qualità delle idee non dipende però dalla “ragion pratica”, ma dalla “ragion pura”.
R: La qualità del volere dipende insomma dalla qualità del pensare?
L: Certamente. E’ dal “pensiero senza qualità”, come direbbe Musil, cioè dal pensiero morto o meramente quantitativo, che dipende infatti la brama: vale a dire, la volontà di avere, e non di essere.
R: Mi ricordi il Vangelo: “Dovunque sarà il cadavere, ivi si raduneranno gli avvoltoi”.
L: E’ così. E sai che cosa dice allo stesso proposito Hegel?
R: No, che dice?
L: Te lo leggo: “Ciò che è privo di vita ha a che fare con ciò che è privo di vita. Se trova soddisfazione nell’aver a che fare con cadaveri, vuol proprio dire che il cuore è morto. Lo spirito vivente afferma invece: lascia che i morti seppelliscano i loro morti e seguimi”.
R: Per tornare a noi, sai che Einstein, rifacendosi a Schopenhauer, ha detto: “Un uomo è senza dubbio libero di fare quello che vuole, ma non è affatto libero di volere quello che vuole”?
L: Ma proprio questo è l’equivoco!
R: E cioè?
L: Sostenere che l’uomo “non è affatto libero di volere quello che vuole” equivale a sostenere che “quello che vuole” non lo vuole, ma lo deve. “Quello che vuole”, però, non è che la forma momentanea del volere, e a questa, come abbiamo visto, possono dare forza o la natura o la cultura. Le situazioni in cui l’uomo “non è affatto libero di volere quello che vuole” sono quindi quelle in cui il soggetto sperimenta “quello che vuole” come una forma cui dà forza una realtà che non è la sua. Ebbene, se tali condizioni sussistono nel caso degli stimoli naturali e dei modelli culturali, non sussistono, invece, nel caso dell’intuizione concettuale. In questa, infatti, il soggetto o l’Io è la forza dell’idea e l’idea è la forma del soggetto o dell’Io.
R: Siamo dunque non-liberi quando abbiamo l’idea come forma, ma non come forza: quando siamo cioè posseduti, per suo tramite, dalla natura o dalla cultura. Questo mi fa ricordare che Schiller, nelle sue Lettere sull’educazione estetica dell’uomo, dice appunto che ci si trasforma in “selvaggi”, quando la natura domina la cultura, e in “barbari”, quando la cultura distrugge la natura.
L: Come abbiamo detto a suo tempo, si può essere infatti posseduti solo da ciò che non si è.
R: Essere liberi vuol dire allora essere posseduti da ciò che si è?
L: Certo! Considera, però, che essere posseduti da ciò che si è significa essere ciò che ci possiede, e quindi possedere ciò che si è: ovvero, l’Io.
R: Pensi che questo abbia qualcosa a che fare con il noto detto paolino: “Non io, ma il Cristo in me”?
L: Direi proprio di sì...Mi dispiace, ma oggi sono io che devo già lasciarti.
R: Non ti preoccupare. Prima, però, vorrei che stabilissimo il tema del nostro prossimo incontro.
L: Se ti va, mi sembra arrivato il momento di riparlare della “fantasia morale”. Ricordi? Ne avevo già accennato in uno degli incontro passati, col proposito di trattarne più estesamente in seguito.
R: Mi fa piacere poter riprendere questo argomento. Arrivederci allora alla prossima settimana.
L: Arrivederci.

.

 

Lucio Russo
 
Rudolf Steiner