Articolo del: 26/11/2010

Sezione: Scienza e coscienza
Scarica il file in formato DOC
Scarica il file in formato PDF
 

Massime antroposofiche 11/12/13

11) “L'autocoscienza, la quale si accentra nell'io, emerge dalla coscienza. Questa nasce quando, per il logorio che le forze del corpo fisico e di quello eterico hanno fatto dei due corpi, lo spirituale entra nell'uomo. Con il logorio dei due corpi si crea il campo su cui la coscienza esplica la sua vita. Al logorio deve però tener dietro la rigenerazione, se l'organismo ha da essere preservato dalla distruzione. Così, ogni qualvolta, per dar luogo ad un'esperienza cosciente, sia avvenuto un logorio, si rigenererà precisamente quel che era stato logorato. Nella percezione di questa rigenerazione consiste l'esperienza dell'autocoscienza. Si può perseguire questo processo con l'osservazione interiore. Si può sentire come, per il fatto che dall'interiorità si crea una riproduzione di ciò che è semplicemente cosciente, la coscienza venga condotta all'autocoscienza. La semplice coscienza ha la sua immagine nel vuoto che il logorio ha in certo modo prodotto nell'organismo. E' accolta nell'autocoscienza, quando il vuoto si è nuovamente colmato da dentro. Il sostanziale q u i d atto a colmarlo è sperimentato come "io"”.

Abbiamo detto che la coscienza, per affermarsi, deve portare a zero, anzi “al di sotto dello zero” l’attività (vitale) del corpo eterico-fisico: con il “logorio” di questo corpo – dice infatti Steiner – “si crea il campo su cui la coscienza esplica la sua vita” (se volete farvi una qualche idea della natura di questo “logorio”, potete pensare al processo mediante il quale la luce asciuga o dissecca l’umido).
Una cosa, tuttavia, è la coscienza (del corpo astrale), altra l’autocoscienza (dell’Io). Alla contrapposizione tra il corpo eterico e il corpo fisico e a quella tra il corpo astrale e il corpo eterico, dobbiamo quindi aggiungere la contrapposizione tra l’Io e il corpo astrale.
Di quale contrapposizione si tratta? Di quella tra i processi distruttivi (logoranti) della coscienza e i processi ricostruttivi (rigeneranti) dell’autocoscienza.
Ricordiamo – per inciso – che dire “autocoscienza” significa dire “anima cosciente”: oltre che di una coscienza (anima) senziente e di una coscienza (anima) razionale-affettiva, disponiamo infatti (quali uomini moderni) di una coscienza (anima) cosciente: cioè a dire, di una “coscienza della coscienza”, e quindi di un’”autocoscienza”.
Per avere coscienza della realtà eterico-fisica, è sufficiente il corpo astrale (di cui dispongono, a loro modo, anche gli animali), mentre per avere coscienza della realtà della coscienza, occorre un quid (un “qualcuno”) che sia sovraordinato al corpo astrale, così come questo è sovraordinato al corpo eterico-fisico: questo quid (questo “qualcuno”) è l’Io.
Ripensate adesso a quel “nulla” (a quella coscienza “vuota”) di cui abbiamo parlato commentando la massima 9, e provate a collegarlo con quanto dice qui Steiner: “La semplice coscienza ha la sua immagine nel vuoto che il logorio ha in certo modo prodotto nell'organismo. E’ accolta nell'autocoscienza, quando il vuoto si è nuovamente colmato da dentro. Il sostanziale quid atto a colmarlo è sperimentato come "io"”.
Che cosa abbiamo detto, infatti? Che il “nulla”, che vediamo quando chiudiamo gli occhi, può permetterci di realizzare la realtà dell’atto del “vedere”, e quindi della coscienza.
Ebbene, portando avanti questa ”osservazione interiore“, risalendo cioè con determinazione il flusso di tale “vedere il vedere” per ricercarne la sorgente (passando, così, dalla coscienza ispirata a quella intuitiva), perveniamo infine all’Io (al “vedente”), giacché il “nulla” (il “vuoto”) lasciato da ciò che sta al di fuori della coscienza (dalla realtà eterico-fisica che di norma la riempie), viene “colmato da dentro”, da quel “sostanziale quid atto a colmarlo” che sperimentiamo appunto come “Io”.
Stiamo attenti a quest’ultima affermazione, perché non dobbiamo confondere l’Io, cioè il soggetto “atto a colmare” il vuoto, con le qualità (le idee o i concetti) di cui lo colma.
Ascoltate, infatti, quanto afferma qui Steiner: “Nell’ispirazione le esperienze dei mondi superiori esprimono il loro significato. L’osservatore vive nelle qualità e nelle azioni degli esseri di quei mondi superiori” (1).
Dice ancora Steiner: “Si può sentire come, per il fatto che dall'interiorità si crea una riproduzione di ciò che è semplicemente cosciente, la coscienza venga condotta all'autocoscienza”.
L’Io dunque riproduce “ciò che è semplicemente cosciente”. Quale fenomeno può renderlo evidente (prescindendo da quelli del pensiero del pensiero e della coscienza della coscienza)? Non è difficile: quello della memoria (scrive appunto Steiner: “del corpo eterico è propria la vita, del corpo astrale la coscienza, dell’io il ricordo”) (2).
Riflettiamo: guardiamo fuori di noi, e abbiamo coscienza delle immagini percettive (tridimensionali) delle cose; guardiamo dentro di noi, e abbiamo invece coscienza delle rappresentazioni (bidimensionali) delle cose: ossia, appunto, di una loro riproduzione (ri-presentazione) interiore.
Ma chi è l’artefice di questa riproduzione, chi è cioè a trasformare (transustanziare) segretamente (con l’ausilio – come sappiamo da La filosofia della libertà – dei concetti) la realtà esteriore e tridimensionale delle immagini percettive nella realtà interiore e bidimensionale delle rappresentazioni o delle immagini mnemoniche (a “breve termine”)? E’ l’Io. Ecco perché tra la memoria e l’Io c’è un legame così intimo, tanto intimo da permetterci di dire che come l’ego sta alla memoria della vita tra la nascita e la morte (anche se non esattamente, giacché i primi ricordi risalgono a qualche anno dopo la nascita), così l’Io (l’ego spiritualizzato) sta alla memoria che abbraccia non solo la vita prenatale, ma anche le vite terrene precedenti (dice infatti Steiner, in una preghiera per i defunti che sicuramente conoscete: “La forza del ricordo deve diventare divina, un essere divino”).
Ricordate lo “smemorato di Collegno”: quel tizio che aveva perso, insieme alla memoria, la propria identità, al punto che non si capiva più se fosse l’anarchico Mario Bruneri o il professore Giulio Canella?
Ebbene, se la perdita della nostra memoria ordinaria viene giustamente considerata patologica, che cosa dovremmo dire, allora, di quella che ci priva del ricordo della maggior parte della nostra storia (e quindi della nostra vera autocoscienza)?
Considerate, in ogni caso, che i processi di ricostruzione o rigenerazione sono non solo animici, ma anche fisici (si dice: “Il chirurgo scuce e la natura ricuce”, ma sarebbe più giusto dire: “Il chirurgo scuce e l’Io ricuce”), e che, in quanto appunto fisici, sono a carico del sangue, ch’é il veicolo dell’Io.
Non si tratta, naturalmente, di una rigenerazione totale. Diciamo, tanto per capirci, che quanto viene consumato durante la veglia (dall’ego) viene rigenerato, durante il sonno (dall’Io), al 90%; ecco perché, col tempo, comincia quel processo di invecchiamento che ci porta alla morte: alla necessità, cioè, di cambiare il corpo fisico.
Non intende dunque l’Io, chi non l’intende quale entità creatrice (entità creatrice che sta a fondamento della “fantasia morale” e dell’”individualismo etico” di cui parla Steiner ne La filosofia della libertà).
Vi propongo, per finire, la seguente meditazione (3):

Guarda nella tenebra:
Vi appare una luce,
Luce che vive.
Chi è quella luce nella tenebra?
Sono io stesso nella mia realtà.
Questa realtà dell’io
Non entra nella mia esistenza terrena.
Ne sono solo l’immagine.
Ma la ritroverò di nuovo,
Quando io, con volontà dedita allo Spirito,
Passerò la porta della morte.

12) “Si trova la realtà dell’io quando l'osservazione interiore, per cui si afferra conoscitivamente il corpo astrale, si acuisce sempre più, compenetrando nella meditazione il pensare vissuto col volere. Da prima, in questo pensare, ci si è lasciati andare senza volontà. Con ciò si è giunti al punto che un elemento spirituale entra in questo pensare, come nella percezione dei sensi il colore entra nell'occhio, il suono nell'orecchio. Se ci si è messi in grado di riprodurre con un atto di volontà quello che si è fatto vivere in tal modo mercè un abbandono passivo nella nostra coscienza, allora entra in questo atto di volontà la percezione del proprio “io” ”.

Come vedete, anche qui si distingue il “concetto” dell’Io dalla “realtà” dell’Io.
Ritorniamo dunque all’esperienza del “nulla” o del “vuoto” (di quel “nulla” che tanto ha dato da pensare, ad esempio, ad Heidegger o a Sartre).
Dice Steiner: “Da prima, in questo pensare, ci si è lasciati andare senza volontà”. E’ questo il momento in cui, avendo sperimentato la realtà dell’atto del “vedere”, ci lasciamo andare (come in un sonno vigile) al puro fluire della sua luce.
Ma “con ciò – aggiunge - si è giunti al punto che un elemento spirituale entra in questo pensare, come nella percezione dei sensi il colore entra nell'occhio, il suono nell'orecchio”: si è giunti cioè al punto in cui, mediante il fluire della luce, penetrano nel pensare le qualità, le idee o i concetti nella loro vera natura di esseri spirituali.
Si tratta, in effetti, di una vera e propria “percezione” di contenuti che provengono dall’interno, e non dall’esterno (come quelli che raggiungono i sensi fisici). L’“interno” dal quale provengono è quello che abbiamo imparato ormai a conoscere, sia quale “esterno (spirituale) dell’interno (animico)”, sia quale “interno (spirituale) dell’esterno (materiale)”: quale essenza spirituale, cioè, del mondo fisico.
Come passare, dunque, da questa esperienza ispirata (del “sentire pensante”) a quella intuitiva (del “volere pensante”)? Ce lo dice Steiner: “Se ci si è messi in grado di riprodurre con un atto di volontà quello che si è fatto vivere in tal modo mercè un abbandono passivo nella nostra coscienza, allora entra in questo atto di volontà la percezione del proprio “io””.
Che cosa significa? Significa che percepiamo (contempliamo) gli esseri spirituali, in quanto sono questi a raggiungerci, grazie all’”abbandono passivo nella nostra coscienza”, mentre percepiamo l’Io, in quanto siamo noi a raggiungerlo o a raggiungerci, grazie a un atto di volontà che riproduce il movimento (intuitivo) di tali esseri.
Ascoltate quanto dice qui Steiner della differenza tra l’ispirazione e l’intuizione: “Nell’ispirazione egli [l’uomo] diviene cosciente di unificarsi con le azioni degli esseri stessi, con le manifestazioni della loro volontà; solo nell’intuizione egli stesso si immedesima con esseri che sono in sé completi” (4).
Come vedete, l’intuizione è un’identificazione attiva: talmente attiva, da far diventare “noi” l’altro e l’”altro” noi (mentre nell’ispirazione ci immergiamo, sì, nell’altro, ma noi rimaniamo “noi” e l’altro l’”altro”).
Ascoltate quanto afferma appunto Steiner: “Immergendoci in questo modo nelle entità estranee, perveniamo a contemplare come un’entità estranea noi stessi, quali eravamo prima, quali siamo nella vita ordinaria. Supponiamo ad esempio di immergerci in tal modo, al terzo grado della chiaroveggenza [quello intuitivo], in un qualsiasi essere dei regni della natura: non guarderemo allora da noi verso quell’essere, né solo ci immergeremo in esso (come al secondo grado della chiaroveggenza [quello ispirato]), ma sapremo di identificarci con quell’essere, e da esso guarderemo indietro verso noi stessi” (5).
Possiamo dunque dire, riassumendo, che c’è un livello di autocoscienza (quello ordinario) in cui l’Io si riconosce come “spazio” (corpo); che ce n’è un altro (immaginativo) in cui l’Io si riconosce come “tempo” o “vita” (biografia); che ce n’è un altro ancora (ispirato), in cui l’Io si riconosce come “qualità” o “anima” (carattere); e che ce n’è infine uno (intuitivo) in cui l’Io si riconosce come “Io” o “spirito” (come quell’Io inabitato dal Logos che fa dire ad Agostino: “Il mio cuore è inquieto finché non riposa in Te”).

13) “Sulla via della meditazione, si possono trovare altre tre forme per l'aspetto in cui l'"io" si presenta nella coscienza ordinaria: 1) Nella coscienza che afferra il corpo eterico, l'"io" appare come immagine, la quale però è insieme un'entità attiva, e come tale conferisce all'uomo forma, crescita e forze plasmatrici; 2) Nella coscienza che afferra il corpo astrale, l’”io” si manifesta come membro di un mondo spirituale da cui riceve le sue forze; 3) Nella coscienza che è stata appunto menzionata come l'ultima da conquistarsi, l'"io" si mostra come un'entità spirituale autonoma, relativamente indipendente dal circostante mondo spirituale”.

Per conoscere l’aspetto in cui l’Io si presenta alla coscienza ordinaria non serve ovviamente la meditazione.
Serve, invece, quando si voglia scoprire come l’Io si presenti alla coscienza mediata dal corpo eterico, a quella mediata dal corpo astrale e a quella, per così dire, “mediata-immediata” dall’Io.
Abbiamo detto, poco fa, che l’Io, sul piano eterico, si riconosce come “tempo” o “vita”: cioè a dire, come una realtà energetica o “elementare” (“un’entità attiva”) che “conferisce all'uomo forma, crescita e forze plasmatrici”.
Considerate che non è affatto scontato il riconoscersi in questa forma. Pensate, tanto per fare un esempio, a Goethe: è nato nel 1749 ed è morto nel 1832. Ebbene quanti pensano che Goethe è esistito non solo come corpo “spaziale”, ma anche come corpo “temporale” (gli 83 anni della sua biografia)? Non credo molti, giacché l’essere del “Goethe-spazio” lo si può rappresentare o ritrarre, mentre il divenire del “Goethe-tempo” lo si può solo (attivamente) immaginare.
Ancora più difficile, per l’Io, è il riconoscersi, sul piano astrale, come “qualità” o “anima”, e quindi “come membro di un mondo spirituale da cui riceve le sue forze”.
Ne costituisce purtroppo un esempio l’odierna psicologia: cioè una “scienza dell’anima” che a tutto è pronta (materialisticamente) a credere fuorché all’esistenza dell’anima.
Questo grado di autocoscienza è particolarmente difficile perché coinvolge il sentire in modo diverso (diciamo, “contratto”) da quello (diciamo, “espanso”) in cui lo coinvolge il grado immaginativo.
Vi leggo ciò che dice, a questo proposito, Steiner: “Ci troviamo ora nel vero mondo spirituale. Allora durante quegli attimi siamo, in certo qual modo, passati all’altra sponda dell’esistenza; al di là di questa sponda sparisce l’ordinario mondo dei sensi, ci troviamo nel mondo spirituale (...) Ma ora succede ancora qualcosa. Si presenta un’esperienza, che l’uomo prima non ha mai potuto fare. Ciò che io ho descritto come un sentimento vasto – direi cosmico, di gioia, interiormente completamente sperimentato [al grado immaginativo] – si trasforma in questo attimo, in cui stabiliamo la coscienza vuota con la calma, in un dolore animico altrettanto vasto, in una sofferenza animica altrettanto generale (...) Voi sentite il dolore, che sta a base dell’intiera esistenza del mondo; è il dolore al contempo dell’isolamento” (6), in quanto frutto – aggiungiamolo – di un processo di “divisione” o “differenziazione”.
Non si può prescindere da questa esperienza se si vuole davvero raggiungere la piena autocoscienza: ossia, la coscienza dell’Io come “Io” o “spirito”.
Dice Steiner: “Nella coscienza che è stata appunto menzionata come l'ultima da conquistarsi, l'"io" si mostra come un'entità spirituale autonoma, relativamente indipendente dal circostante mondo spirituale”.
Se l’uomo non raggiungesse questo livello, si conoscerebbe dunque come “tipo” (che so, costituzionale, temperamentale, caratteriale) o come “esemplare della specie” (“come membro di un mondo spirituale da cui riceve le sue forze”), ma non come individuo: ossia – secondo quanto afferma Steiner in Teosofia – come una “specie a sé” (7).

Note:

1) R.Steiner: I gradi della conoscenza superiore in Sulla via dell’iniziazione – Antroposofica, Milano 1977, p. 56;
2) R.Steiner: La scienza occulta nelle sue linee generali – Antroposofica, Milano 1969, p. 52;
3) R.Steiner: Indicazioni per una scuola esoterica – Antroposofica, Milano 1999, p. 90;
4) R.Steiner: I gradi della conoscenza superiore in Sulla via dell’iniziazione, p. 56;
5) R.Steiner: Le entità spirituali nei corpi celesti e nei regni della natura – Antroposofica, Milano 1985, pp. 59/60;
6) R.Steiner: Conoscenza iniziatica – Istituto Tipografico Editoriale, Milano 1938, vol. I, pp. 61 e 73;
7) R.Steiner: Teosofia –Antroposofica, Milano 1957, p. 50.

 

Lucio Russo
 
Rudolf Steiner