11/04/2003

1

Nella
nota intitolata: Pacifisti
e guerrafondai (15 Novembre 2002), avevamo riferito la seguente affermazione
di Bin Laden: “Io non temo la morte. Io la amo: così come
voi amate la vita”.
Ebbene, leggendo oggi il testo dell’”intercettazione ambientale
della conversazione tra i presunti terroristi El Ayashi Radi (Merai) e
Mohamed il somalo (Cise Maxamed Cabdullah) avvenuta il primo aprile nella
cella di sicurezza della questura di Milano, dopo l’arresto”,
vediamo che Merai, alludendo agli occidentali e agli europei, così
dice al somalo: “Maledetti. A loro piace la vita, io voglio essere
un martire, io vivo per il jihad. Dentro questa vita non c’è
nulla, la vita è dopo, soprattutto fratello, la sensazione indescrivibile
è quella di morire martire. Dio aiutami a essere tuo martire” (il Giornale, 11 aprile 2003).
Augurandoci che possa servire, almeno un poco, a scorgere le radici più
profonde di molti dei conflitti in atto, riporteremo qui alcuni passi
tratti dal ciclo di conferenze tenute da Rudolf Steiner a Colonia (dal
28 dicembre al 1° gennaio 1913) e pubblicato con il titolo: La
Bhagavad-Gita e le lettere di Paolo
(Antroposofica, Milano 1977).
Dice infatti Steiner: “Entro la civiltà orientale, perfino
nell’iniziazione orientale, tutto tende a liberarsi dall’esistenza
materiale, dalla natura che si estende là, fuori dell’uomo.
Infatti, per la filosofia dei Veda la natura che si stende fuori
dell’uomo è maya: tutto quanto è fuori, è
maya (…) Non così in Paolo. Se egli avesse conosciuto
quella dottrina orientale, dalle profondità della sua anima si
sarebbe levata una replica di questo genere: ecco, tu vuoi liberarti da
tutto quanto esiste là fuori, intorno a te, e perfino delle stesse
opere che hai compiuto nel mondo. Vuoi davvero abbandonare tutto questo?
Ma non è forse tutto opera e creazione di Dio, dello spirito, quello
che vorresti lasciare dietro e sotto di te? Non disprezzi forse l’opera
di Dio, disprezzando il mondo esterno? Non vive forse in ogni parte di
esso una rivelazione di Dio, lo spirito di Dio? (…) E’ forse
colpa della realtà oggettiva il fatto che noi scorgiamo maya?
No certo: alla nostra anima la realtà oggettiva apparirebbe nella
sua verità, se non si fosse dovuto soccombere alla forza di Lucifero.
Essa ci appare come maya solo perché non siamo capaci
di scorgere il fondo di tutto quanto esiste intorno a noi. Questo è
dovuto all’anima che ha ceduto a Lucifero, non è colpa degli
dèi, è colpa dell’anima stessa. Tu, anima, ti sei
fatto il mondo della maya, soccombendo a Lucifero. Esiste una
linea diretta tra la più alta formulazione scientifico-spirituale
di quella formula e le parole di Goethe: “I sensi non ingannano,
è il giudizio che inganna”. Per quanto certi pedanti e certi
fanatici possano combattere Goethe e il suo cristianesimo, pure egli aveva
il diritto di dirsi uno degli uomini più cristiani, perché
pensava in modo cristiano nel più profondo del suo essere, perfino
nella formula: “I sensi non ingannano, è il giudizio che
inganna”. Dipende dall’anima che quanto essa vede non le appaia
come verità, ma come maya. Ciò che nelle dottrine
orientali troviamo definito semplicemente come un’azione degli dèi,
qui lo troviamo deviato entro le profondità dell’anima umana,
dove si svolge la grande lotta contro Lucifero. Così le dottrine
orientali, se considerate attentamente, sono in un certo senso materialistiche,
in quanto non riconoscono la spiritualità della maya e
predicano la fuga dalla realtà materiale” (pp.108, 109, 110).
Le dottrine orientali – vogliamo solo aggiungere – predicano la
fuga luciferica dalla realtà materiale, mentre quelle odierne occidentali
predicano la fuga arimanica dalla realtà spirituale. Entrambe disconoscono
o rinnegano quindi il Cristo, cioè a dire il Dio che si è
fatto “carne”, in quanto sanno soltanto vedere o, spiritualisticamente,
un Dio senza “carne” o, materialisticamente, una “carne” senza Dio.

Di Lucio Russo
Per qualsiasi informazione o commento, potete inviare una e-mail al seguente indirizzo: info@ospi.it



Nel campo sottostante è possibile inserire un nome o una parola. Cliccando sul pulsante cerca verranno visualizzati tutti gli articoli, noterelle o corrispondenze in cui quel nome o parola è presente